Informativa

Su questo sito utilizziamo solo cookies tecnici. Navigandolo accetti. Clicca su Leggi Policy per ulteriori informazioni.

Ultimo Giornalino  

   

Accedi  

   
Martedì, 25 Ottobre 2011 05:36

Chi sono i laici Domenicani

Scritto da

LAICI LA LORO VOCAZIONE

Con il Concilio Vaticano II, i laici hanno assunto un ruolo sempre più rilevante all'interno della parrocchia e delle comunità cattoliche.

La crescita e l'espansione dei nuovi movimenti ecclesiali è un esempio evidente di come i laici possano testimoniare efficacemente la loro fede. Constato il fatto che la grande massa dei laici cristiani non sa che cosa significhi oggi essere laici nella comunità cristiana. Mi meraviglio, comunque, che anche nella nostra fraternità, non si è compreso bene cosa significhi essere laici domenicani. Forse, in questi anni non sono riuscito a spiegarlo bene, ad inculcare nel vostro cuore che ciascuno di voi è Sacerdote, Profeta e di Stirpe regale. Se si fanno salve alcuni di voi manca nei più una attenzione particolare - per così dire - a coltivare la laicità e la consapevolezza di essere laici. La definizione di "laicità" è semplice e chiara, ma ben pochi la insegnano spiegando qual è la condizione dei laici nella Chiesa. Voi non siete laici domenicani, quasi che Dio vi abbia voluto dare un accontentino per non esere divenuti presbiteri o religiosi e religiose, ma per un preciso disegno di Dio diverso, ma analogo alle altre condizioni cristiane. La mia esperienza mi dice che poche fraternità conoscono quali sono i vostri compiti, i vostri doveri e i vostri diritti, quale sia la vostra specifica spiritualità e, infine, quali i rapporti reciproci si debbono creare fra voi e i preti, i frati, le suore.

Cosa significa essere laici domenicani oggi nella comunità cristiana?

Significa essere consapevoli non soltanto di essere battezzati e, quindi, salvati dal sacrificio di Cristo, ma anche di avere nella Chiesa e nella società un posto, una collocazione molto precisa. Il Concilio Vaticano II, dà nel più importante fra i suoi documenti: la Costituzione dogmatica sulla Chiesa "Lumen gentium" dice che i Laici sono quei fedeli che, divenuti parte del corpo mistico di Cristo col battesimo e, quindi, resi partecipi del sacerdozio "comune" (cioè non ministeriale) e degli "uffici" profetico (cioè di annuncio) e regale (cioè di servizio) di Cristo e, grazie alla loro «propria e peculiare indole secolare [...] per loro vocazione cercano il Regno di Dio trattando le cose temporali e ordinandole secondo Dio». I laici «vivono nel secolo» e in esso sono chiamati a santificare se stessi e tutta la realtà del mondo... Voi, in più, avete scelto di attuare questo vostro particolare sacerdozio seguendo le orme di San Domenico, ne più ne meno dei frati , delle monache e delle suore. La regola domenicana non è fatta per colro che si sentono forti e bravi, ma, come tutte le regole, è stata scritta per chi si sente debole ad ha bisogno che altri lo aiutino a vivere la sua vocazione.

Il termine laico

Il nome di "laico" è parola eminentemente cristiana, che però ci è stata "rubata" da quello che normalmente si chiama "laicismo". In primo luogo la laicità è stata definita da Cristo quando distinse il campo di Cesare da quello di Dio. In secondo luogo la parola "laico", che non esisteva nell'ebraico, fu inventata da san Clemente, quarto Pontefice, ricavandola dal greco "laòs", che significa popolo. Papa Clemente la usò, tra la fine del primo e l'inizio del secondo secolo, in una lettera alla Chiesa, sempre turbolenta, di Corinto, per distinguere i fedeli (i laici) dal clero (kleros, in greco) e indurli all'obbedienza ai Pastori, gli episcopi. Con l'Illuminismo s'iniziò una aperta contestazione della Chiesa e gli illuministi applicarono a se stessi il nome di laico per definirsi estranei alla Chiesa, identificata come tale soltanto nella sua Gerarchia e non nel popolo di Dio. Quindi negli ambiti politico e culturale non o anti-cristiani la definizione di laico è sostanzialmente abusiva e ci dovrebbe essere restituita.

Al Concilio Vaticano II si è molto discusso del ruolo che i laici cattolici devono avere per la nuova evangelizzazione e il rinnovamento della comunità cristiana.

I laici hanno i medesimi doveri del clero e dei religiosi di annunciare, testimoniare e celebrare la fede con tutto quello che ciò significa. In modo particolare i laici domenicani si impegnano a vivere il carisma di San Domenico seguendo fedelmente non solo i dettami della Chiesa tutta, ma anche le direttive scritte nella regola a cui hanno fatto la professione. Ciascuno lo farà nel suo modo proprio, e tenendo conto, ovviamente, delle responsabilità rispettive, specifiche e reciproche. La nuova evangelizzazione è il coraggio di ogni cristiano di «osare sentieri nuovi, di fronte alle mutate condizioni dentro le quali la Chiesa è chiamata a vivere oggi l'annuncio del Vangelo». E ancora è la capacità dei cristiani di leggere e decifrare i sempre nuovi scenari della storia degli uomini, per "abitarli" e trasformarli in luoghi di testimonianza e di annuncio del Vangelo». Quest'ultimo compito è con tutta evidenza tipico dei laici, i quali entro quegli scenari vivono, lavorano, amano, soffrono, gioiscono e possono condurre all'altare, dove il presbitero presiede l'Eucaristia, le loro fatiche, le loro necessità e anche le loro intuizioni apostoliche. La Messa la celebriamo tutti. Alla Cena del Signore non è invitato solo il presbitero, ne lui solo si nutre, ma tutto il popolo, offre e si nutre sia della Parola che del pane Eucaristico.

Qual è la vocazione per i laici?

Molti ancora parlano o addirittura credono che la vocazione sia cosa esclusiva dei preti e dei religiosi e religiose e che la condizione laicale sia, di conseguenza, residuale: "Io non ho avuto la vocazione...". Al contrario, Dio chiama TUTTI all'apostolato e alla santità, per le quali il Concilio parla do una «universale vocazione». Dio farebbe un'ingiustizia se ponesse il suo dito e i suoi progetti soltanto sul capo di quei pochi chiamati che sono i preti, i frati, le suore. I fedeli debbono trasformarsi da battezzati in laici autentici. Parafrasando Tertulliano ("Fiunt, non nascuntur christiani"), si può dire che «laici non si nasce, ma si diventa ascoltando una chiamata e compromettendosi con una risposta». Questo voleva dire Giovanni Paolo II quando, nella Christifideles Laici, scriveva: «La formazione dei fedeli laici ha come obiettivo fondamentale la scoperta sempre più chiara della propria vocazione e la disponibilità sempre più grande a viverla nel compimento della propria missione». Per adoperare un'espressione del Pontefice, dobbiamo augurarci che i laici "diventino quello che sono"; o come diceva Santa Caterina da Siena: "Se voi sarete quelli che dovete essere metterete fuoco in tutta Italia".

Alcuni sostengono che si può essere laici senza vocazione.

Penso che costoro non siano stati capaci di ascoltare la loro chiamata, magari per distrazione o per una catechesi fino a ieri carente in questa materia, ma oggi molto esplicita. Come dice il primo Libro dei Re, «il Signore non era nel vento, non era nel terremoto, non era nel fuoco, ma era nel mormorio di un vento leggero». Bisogna essere educati a sentirlo. Quel vento leggero è la voce di Dio che chiama o che invita a ritrovare la vocazione che oggi possiamo dire troppo spesso smarrita o non identificata. Se davvero fosse possibile essere cristiani senza vocazione, forse non si sarebbe neppure cristiani.

Qual è il percorso spirituale e formativo per realizzare il progetto speciale che il Signore ha per ognuno di noi?

Bisogna seguire due strade. La prima è quella di una catechesi sulla vocazione universale e specificamente su quella alla laicità, che dovrebbe iniziarsi già con la prima Comunione e la Cresima, ed essere poi rilanciata sia nella preparazione al matrimonio sia nella catechesi prebattesimale per i genitori: tutte grandi occasioni anche di "sacerdozio comune". Il secondo percorso è strettamente personale: occorre porsi in ascolto di quella brezza leggera, senza scoraggiarsi se non la si sente, perché in generale la si percepisce a cose fatte. Voglio dire che ci si sente chiamati, per esempio, al matrimonio dopo essersi sposati e così anche il sacramento assume per gli sposi un'altra dimensione. Oppure dopo una scelta professionale, o qualche avvenimento importante: la nascita dei figli, una malattia. Perfino la vedovanza - non è un'assurdità - può essere riconosciuta come una vocazione: si pensi all'Ordine delle vedove. Posso assicurare che quando un laico scopre la propria vocazione, la sua vita e il suo mondo cambiano significato.

Vi scongiuro fratelli miei di essere fedeli alla strada che avete intrapreso, non per caso, ma per una particolare misericordia di Dio che vi ha mandato una Zattera ed altri fratelli naufraghi a camminare con voi.

   
© Copyright 2018 Fraternita’ Domenicana di Agognate - Via Valsesia Agognate 1, 28100 Novara - 0321.623337 - 0321.1856300 - info@agognate.it - Webmaster: P. Raffaele Previato op