Informativa

Su questo sito utilizziamo solo cookies tecnici. Navigandolo accetti. Clicca su Leggi Policy per ulteriori informazioni.

Ultimo Giornalino  

   

Accedi  

   
Mercoledì, 01 Giugno 2011 00:00

Che cos'è l'uomo perché te ne curi?

Scritto da Angela Vaccanio
Vota questo articolo
(0 Voti)

La nostra fraternita spesso invita esperti per aiutarci a discutere e conoscere e di conseguenza ad immergerci in tutto ciò che “bolle” nel mondo. Come domenicani sappiamo bene che il Vangelo va letto avendo accanto a noi i giornali. Vi proponiamo una scheda di lavoro che Angela Vaccanio ha tratto da una delle nostre riunioni.

Abbiamo continuato il percorso del nostro programma dell’anno “ CHE COS’E’ L’UOMO PERCHE’ TE NE CURI?” con un’analisi del relatore Marco Parisi (Caritas-Novara) sul tema
“TEMPO DI CRISI, PROSPETTIVE, CAMBIAMENTI

E’ un dato di fatto che l’Europa ha perso il potere economico! Come afferma il fondatore dell’Unione Europea: quello che stiamo vivendo, è un momento particolare mai vissuto!
Lo stato sociale non sta più in piedi: prima c’era una media di un pensionato ogni tre lavoratori, oggi sono per metà pensionati e metà lavoratori. I Comuni non hanno i fondi per gestire i servizi sociali. La condizione lavorativa dei giovani è disastrosa, non c’è contribuzione, quindi non c’è sicurezza neanche per i pensionati attuali. Abbiamo superato i limiti ambientali, il gas e il petrolio vengono consumati in modo superiore alle nostre energie!
La nostra vita oggi è un quadro di:
SOFFERENZE
I giovani non hanno sicurezze per formare una famiglia. C’è conflittualità tra i giovani che vogliono far parte del mondo del lavoro – che non c’è - e i giovani che ne fanno già parte.
DESIDERI
Manca il desiderio e aumentano in modo spropositato i disturbi mentali. Mancano futuro e sicurezza e aumentano le forme di sballo, rischio, ed emozioni forti!
IMMIGRATI
Vengono istituite le pratiche per regolarizzare con sanatorie e far entrare soldi, ma poi devono essere restituiti per disoccupazione e assegno famigliare
COMPETIZIONE-PRESTAZIONE
Uno deve sempre cercare di fare meglio dell’altro, rendendo così i rapporti interpersonali burrascosi. Non c’è limite – un’Italia dove tutto è possibile - dove è facile avere i soldi! Fisicamente non temiamo nulla e questo mina la nostra società.
MINORI
Sempre più le famiglie sono povere e non ci sono i soldi per l’educazione: oggi i bambini hanno una educazione minore di quella di 20 anni fa.
TERRITORIO
Tra Nord e Sud aumenta la differenza tra i ricchi e poveri.
        In questo quadro possiamo tirare fuori la
POSITIVITA’
La parola crisi è un momento di cambiamento, è il momento in cui il cristiano ha la possibilità di AGIRE –
La Rabbia di vedere come vanno le cose.
Il Coraggio di vedere come potrebbero andare. Cominciare a riflettere bene e fare personalmente dei cambiamenti:
Agire-Agere-Direzione-Senso della Vita e noi siamo volontà di vita perchè noi siamo Desiderio!
LAVORO
Bisogna ripensare a cosa è per noi il lavoro: io lavoro al meglio nell’azienda, in collaborazione con l’altro, perchè il lavoro sia fatto bene! Il concetto di professione e di mestiere è la capacità di risolvere i problemi.
Ci possiamo provare: riflettere e APRIRSI PER ESSERE DISPONIBILI ALL’APERTURA DELL’ALTRO!

Letto 1468 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

   
© Copyright 2018 Fraternita’ Domenicana di Agognate - Via Valsesia Agognate 1, 28100 Novara - 0321.623337 - 0321.1856300 - info@agognate.it - Webmaster: P. Raffaele Previato op